Product design Raffles Design Institute

Imparare facendo è il principio alla base dei corsi triennali di Raffles Milano, un percorso di formazione che struttura la mente, fornisce un solido bagaglio tecnico e fa venire voglia di allargare i propri orizzonti di vita.

3 Anni Italiano/Inglese Carmelo Di Bartolo
full-time Via felice casati 16, Milano Italy

Durata

3 Anni

Crediti

180

Partenza

Novembre

Lingua

Italiano/Inglese

Corso Triennale Raffles Milano

Product design

Il paesaggio dell’artificiale

Durata

3 Anni

Crediti

180

Partenza

Novembre

Lingua

Italiano/Inglese

Course leader

Carmelo Di Bartolo

Imparare facendo è il principio alla base dei corsi triennali di Raffles Milano, un percorso di formazione che struttura la mente, fornisce un solido bagaglio tecnico e fa venire voglia di allargare i propri orizzonti di vita.


Perché?

Perché?

Senza design il mondo sarebbe più povero e faticoso. La disciplina del design si può definire infatti come ‘intelligenza spalmata’ che invita a trovare nuovi significati e nuove soluzioni, e che educa le persone a generare valore e valori per il mondo che ci sta intorno. Da sempre, il design è un motore potente di progresso sociale, estetico e di pensiero.


Course leader

course leader

Course leader

Carmelo Di Bartolo

Industrial designer

Dal 1980 porta avanti studi e ricerche nell’ambito della bionica e del design. Nel 1982 ha fondato il CRIED Centro Ricerca Istituto Europeo di Design, che ha diretto sino al 1998. Nel 1998 ha fondato Design Innovation, laboratorio di ricerca nei processi di Advanced design. Ha sviluppato progetti per Fiat Chrysler Automobile, Centro Ricerche Fiat, Ferrari GT, Argotractors, Samsung, Banca Mondiale, Indesit, Luxottica, Electrolux, Pirelli. È Professore associato all’Università di Montreal e Professore a contratto all’Università IULM di Milano e all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. È Accademico corrispondente per l’Italia dell’Academia Nacional de Bellas Artes, Argentina. È stato Professore a contratto al Politecnico di Milano e Visiting professor all’Ecal di Losanna, al TEC de Monterrey, Campus Guadalajara e in molti altri atenei e centri di ricerca internazionali.


Opportunità professionali

Opportunità professionali

Il design è un fattore imprescindibile per tutte le aziende che si posizionano sul mercato per la qualità dei propri prodotti. Tale qualità si compone di ideazione, usabilità ed emozionalità, soddisfacimento dei requisiti eco-sostenibili, scelta dei materiali adeguati e ciclo di vita dei prodotti stessi. E il designer è il primo attore nella definizione delle caratteristiche principali del prodotto. Alla fine del corso il candidato potrà trovare opportunità di collaborazione o impieghi strutturati nei più diversi campi industriali dove convergano innovazione e qualità del prodotto, dei servizi e dei processi.


A chi si rivolge

A chi si rivolge

Il corso è rivolto a candidati con un diploma di Istituto secondario di Secondo grado. Lo studente ideale del corso vuole trasformare le proprie caratteristiche creative in capacità di pensiero, ideazione, realizzazione e comunicazione di progetti, prodotti e servizi. Il corso fornisce gli strumenti di ricerca, le metodologie e i processi per governare la complessità progettuale. Essendo il design per sua natura interdisciplinare, durante il corso vengono forniti gli strumenti per interagire con i vari esperti nella gestione del processo, dall’ideazione del prodotto alla sua commercializzazione.


Programma

Programma

Il programma del Primo anno è propedeutico all’acquisizione di strumenti di Basic design, percezione e sensorialità, conoscenza dei materiali, Storia del design, Teoria del progetto e rappresentazione, Progettazione 1. Il Secondo anno è caratterizzato da una forte componente di laboratori, workshop, laboratori interdisciplinari, visite in aziende. Il Terzo anno è destinato all’analisi di tendenze e scenari futuri, nuove opportunità progettuali, con la città come teatro di progetto. L’ultimo semestre è dedicato allo sviluppo di una tesi progettuale in collaborazione con le imprese.


Argomenti

Argomenti

  • Basic design.
  • Storia delle arti e del design.
  • Design dei materiali.
  • Ricerca di scenari e sviluppo concept.
  • Rappresentazione e comunicazione di prodotti e servizi.
  • Ergonomia fisica e cognitiva.
  • Qualità percepita e sensorialità.
  • Design e sostenibilità.
  • Marketing strategico/prodotto e comunicazione.
  • Design management.

Endorsement

Endorsement

Per la qualità e l’efficacia del modello didattico, il Triennale ha ottenuto il patrocinio:


Docenti di progetto

Docenti di progetto

Sono affermati professionisti, autori di progetti che hanno lasciato il segno, e con lunghi anni di insegnamento alle spalle. Hanno uno sguardo aperto e decisamente internazionale. Fanno parte di un gruppo coeso e fertile, e amano confrontarsi sull’andamento dei corsi, sulle opportunità che si presentano in corsa e sul rendimento dei singoli studenti.

Carlo Dameno

Carlo Dameno

Designer

ildoppiosegno.com

Dal 1996 al 2000 ha collaborato con Carmelo Di Bartolo, dove ha seguito come Responsabile di progetto aziende come Lego Futura, Gillette, Fiat, Sunstar, Oral B, Lavazza e Bosch. Nel 1999 è entrato in Design Innovation come coordinatore dell’area ricerca bionica e concept design, e in questo ambito ha sviluppato progetti per Fiat, Piaggio,Tensoforma, Ariete e altri. Nel 2008 ha fondato insieme a Monica Ferrigno Ildoppiosegno, uno studio di design con una doppia identità: una rivolta al disegno industriale, e l’altra alla ricerca. Lo studio ha lavorato per clienti come Bayer, Status, United Pets, New Holland, Samsung, Piazza, iBarzaghi. Ha tenuto lezioni di bionica a Torino, Madrid, Milano e all’Istituto Tecnologico di Aragona, Saragozza. È tutor del laboratorio di creatività e progettazione al corso di laurea in Comunicazione di impresa allo IULM di Milano. Partecipa a BIOMA, simposio internazionale di bionica e design, Università di Aveiro.
Enrico Pisino

Enrico Pisino

Ingegnere

enricopisino.Linkedin

Si è laureato in Ingegneria meccanica al Politecnico di Torino, la più antica università tecnica italiana. Nei primi anni 2000 si è occupato in Fiat di programmi di ricerca, concept car e design per modelli in produzione. In particolare, ha lavorato sugli interni di Fiat Panda, Lancia Ypsilon, Alfa Giuletta e Fiat 500L, e sull’implementazione di sistemi di gas compresso a bordo di Panda, Grande Punto, Qubo, Doblò e Ducato. Dal 2005 al 2006 è stato Direttore Produzione e materiali nel Centro Ricerche Fiat, e dal 2006 al 2008 Direttore della business line Architettura del veicolo all’interno del Centro. Dal 2008 al 2011 è stato Direttore della Interiors Unit del Gruppo Fiat, e nel 2011 è diventato Head of Innovation di Chrysler Group. Nel 2013 è stato nominato Head of Vehicle Research & Innovation di Fiat Chrysler Automobiles. Dal 2015 è Presidente del Settore Ricerca strategica & Innovazione per propulsione sostenibile di EUCAR Council. Dal 2016 è membro del Comitato scientifico della Fondazione Politecnico di Milano e Presidente del National Technology Cluster Transport Italy 2020.
Matteo Ragni

Matteo Ragni

Designer

matteoragni.com

Si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Nel 2001 ha vinto con Giulio Iacchetti il Compasso d’Oro ADI per la forchetta/cucchiaio biodegradabile Moscardino, ora nella Collezione permanente del Design del MOMA di New York.
Nel 2008 ha vinto il Wallpaper Design Award ’08 per la lampada da tavolo/ferma libri Leti per Danese, e ha fondato TobeUs, marchio di macchinine in legno prodotte artigianalmente in Italia che è un manifesto per un consumo consapevole. Nel 2012 ha vinto il Premio Nazionale per l’Innovazione Premio dei Premi per il progetto W-eye. Nel 2013 si è tenuta all’Istituto Italiano di Cultura di Toronto la mostra Matteo Ragni: Almost 20 Years of Design. Nel 2014 ha vinto con Giulio Iacchetti il secondo Compasso d’Oro ADI per i tombini Montini. Nel 2015 ha tenuto la personale Matteo Ragni: Design for Better Days alla Tianjin International Design Week, e ha vinto il Good Design Award con il sistema HUB per Fantoni, cui è seguito l’Archiproducts Design Award 2016 per HUB BAR. All’attività di designer affianca quella di docente, art director e architetto.
Makio Hasuike

Makio Hasuike

Designer

makiohasuike.com

È nato a Tokyo nel 1938. Si è laureato in Industrial design alla Tokyo University of the Arts nel 1962 e dopo un anno di esperienza professionale in Giappone si è trasferito in Italia. Nel 1968 ha fondato il proprio studio di Industrial design a Milano, uno fra i primi in Italia. Nel 1982 ha intrapreso il progetto sperimentale MH Way, che lo ha portato a lanciare sul mercato una serie di prodotti innovativi. Nell’arco di quarant’anni di attività, ha sviluppato progetti e collaborazioni con molte aziende italiane e internazionali, contribuendo al loro successo grazie a soluzioni di design dall’estetica e dal contenuto innovativi. I suoi progetti hanno ottenuto diversi premi e riconoscimenti prestigiosi, e continuano a essere esposti a mostre e nei musei, fra i quali il MoMA Museo di Arte Moderna di New York. Nel 2016 ha ricevuto il premio ADI Compasso d’Oro alla carriera. È membro del Comitato fondatore del Master di Design Strategico del Politecnico di Milano.
King & Miranda

King & Miranda

Designers

kingmiranda.com

Perry King dopo gli studi in Industrial design in Inghilterra, nel 1964 si è trasferito in Italia per lavorare come consulente di Olivetti, dove poi è diventato Design coordinator per l’immagine. Per Olivetti, insieme a Santiago Miranda, ha progettato font con matrici di punti, manifesti e libri. E proprio insieme a Miranda, nel 1976, ha fondato lo studio King Miranda Associati. Ha insegnato al Politecnico di Milano, alla University of Arts e al Royal College of Art di Londra. Nel 2000 è stato nominato Royal Designer for Industry. Santiago Miranda Ha studiato all’Escuela de Artes Aplicadas y Oficios Artisticos nella sua città natale, Siviglia. Nel 1971 si è trasferito a Milano, dove ha lavorato come consulente per Olivetti. È attivo nella ricerca e nell’insegnamento, è stato membro dell’Università Pablo de Olavide di Seviglia, e di molte giurie internazionali. Nel 1989 ha vinto il Premio Nacional de Diseño Español, e nel 1995 il Premio Andalucia de Diseño.
Setsu & Shinobu Ito

Setsu & Shinobu Ito

Designers

studioito.com

Fondato nel 1997 da Setsu e Shinobu Ito, si occupa di architettura e interior, space, product, industrial e packaging design. Una delle caratteristiche dello studio è l’abilità nel collaborare con architetti e designer internazionali specializzati in ambiti specifici. Setsu Ito, laureatosi all’Università di Tsukuba, si è formato con Alchimia di Alessandro Mendini e Angelo Mangiarotti. Shinobu Ito, laureatasi all’Università d’Arte Tama di Tokyo, ha lavorato per CBS Sony, completando un Master. Lo studio ha ricevuto numerosi premi internazionali di design, fra i quali il Compasso d’Oro ADI nel 2011 e IF Design Award nel 2015. I progetti di design firmati dallo studio sono presenti nelle collezioni più prestigiose, fra le quali Triennale Design Museum di Milano e Die Neue Sammlung International Design Museum di Monaco. I due architetti hanno tenuto corsi e workshop presso Politecnico di Milano, IUAV Università di Venezia, e Università Tsukuba.
Giovanni Pelloso

Giovanni Pelloso

Storico e critico fotografico

giovannipelloso.Linkedin

Giornalista e critico di fotografia del Corriere della Sera per le pagine di ViviMilano, ha partecipato a progetti editoriali per Mondadori Portfolio – suo è lo scritto dedicato a Mario De Biasi, Giorgio Lotti e Angelo Cozzi –, Hachette e Canon Italia. Co-autore del Dizionario mondiale della fotografia(Rizzoli/Contrasto, 2002), collabora con i mensili NPhotography e Photo Professional ed è caporedattore della storica rivista Il Fotografo. Ha condotto workshop e seminari dedicati alla fotografia all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, all’Istituto Italiano di Fotografia e all’agenzia Contrasto. I suoi interessi di ricerca si concentrano sulla prassi e sulla teoria della sociologia dei consumi e della pubblicità. Docente a contratto, dal 2005 svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dell’Università IULM di Milano. Insegna fotografia al LAO dal 2013. È ricercatore associato dell’Acquario Civico di Milano.
Davide Calluori

Davide Calluori

Digital Artist

b612studio.com

È nato a Siracusa nel 1978. Dopo la laurea in Arte al DAMS di Bologna, si è trasferito a Milano, dove ha conseguito il diploma in Graphic design all’Accademia di Comunicazione. Ha iniziato il percorso professionale in DLVBBDO come Art director. In un secondo tempo si è orientato verso la realizzazione e la produzione di immagini per la stampa, diventando responsabile del Reparto di postproduzione, 3D e illustrazione. All’inizio del 2016 ha fondato insieme a Daniele Tribi e Francesco Van Straten B612Studio, struttura che si occupa di illustrazione, 3D, postproduzione e fotografia. Ha firmato progetti per clienti come Yamaha, Freddy, Cam, Rolling Stone, Wall street Istitute, Che Banca!, Bayer, Telecom, Sky, Audi. Insegna ai corsi triennali e ai Master di Accademia di Comunicazione, e al Master di Design della Comunicazione di NABA. Suoi lavori sono presenti nelle edizioni 2012, 2014 e 2016 dell’Annual Award 200 Best Digital Artist Worldwide e dell’Annual Award 200 Best Illustrator Worldwide di Luerzer’s Archive.
Stefano Fabbri

Stefano Fabbri

Illustratore

stefanofabbri.eu

Si è diplomato nel 1984 alla Scuola civica di arti applicate Arte e Messaggio di Milano. Dal 1986 al 1987 è stato assistente art director di Gino Ciccognani nell’agenzia di advertising Studio Nuovi Prodotti. Nei due anni successiv, ha proseguito il percorso di assistente art director nell’agenzia internazionale Saatchi & Saatchi. Dal 1989 al 2005 ha collaborato come visualizer e illustratore con le più importanti agenzie, fra le quali Saatchi & Saatchi, Verba DDB, J.W. Thompson, Bates. Attualmente collabora regolarmente con diverse testate e diverse case editrici: Corriere della Sera, Lo Specchio della Stampa, Auto Oggi, Le Scienze, Men’s Health, Panorama, Riders, Focus, Mente&Cervello; Feltrinelli, Stampa Alternativa, Mondadori, Besa, Helblings Languages. Ha coordinato diversi workshop di illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Nel 2005 ha vinto il premio Oesterheld al Festival internazionale del fumetto Romacartoon con la graphic novel Il monile di Bengasi, con testi dello scrittore Danilo Manera.
Luisa Milani

Luisa Milani

Graphic designer

latigre.net

Dopo la laurea nel 2005 al Politecnico di Milano in Design della comunicazione, ha iniziato a lavorare nello studio grafico Leftloft, dove si è fermata per 5 anni e dove ha avuto conferma che per lei il Graphic design è una passione prima ancora di essere un lavoro. Nel 2009 ha fondato La Tigre. Sin dai primi passi, lo studio si è affermato tanto in campo internazionale quanto in Italia. Nel corso degli anni ha avuto modo di sviluppare progetti, fra gli altri, per New York Times, The Guardian, Wired, Suddeutsche Zeitung, IBM, Zucchi, Bassetti, Eni, Il Sole 24 ore e Mondadori. Dopo alcuni anni come assistente al Politecnico di Milano e la conduzione di diversi workshop, nel 2015 ha iniziato a Torino. Nel 2012 è stata nominata Young Guns dall’Art Directors Club di New York. Nel 2014 ha firmato il redesign del logo di The Independent. Nel 2015 si è aggiudicata un riconoscimento dal Type Directors Club di New York e nel 2016 uno dei suoi progetti è stato selezionato come finalista da SPD The Society of Publication Designers.
Monica Milani

Monica Milani

Design manager

monicamilani.Linkedin

Dopo la laurea in Architettura e il master in Interaction design, ha conseguito il Dottorato in Ingegneria delle telecomunicazioni all’Università di Firenze. Ha iniziato a lavorare all’Etnoteam Wireless-Lab di Milano come Interaction designer e ha focalizzato le proprie ricerche sull’interazione uomo-computer progettando un chiosco interattivo e Avatar, un assistente personale digitale. Dopo qualche anno, è passata in Indesit a capo di un progetto su un’interfaccia uomo-macchina innovativa con touch point per elettrodomestici, con il supporto di Ideo per sviluppare apertura mentale, sperimentazione e approccio User-centered design. Nel 2012 è diventata Head of Design Center, con la responsabilità di tutti gli aspetti estetici e di interazione degli elettrodomestici. Nel 2014 è passata in Dyson, in Inghilterra, come responsabile per l’introduzione delle nuove tecnologie di interfaccia utente. Qui ha innalzato a un nuovo livello l’esperienza dell’utente, e qui ha guidato infine la progettazione dell’interazione con un robot umano, il recente Dyson 360 Eye robot.
Giulio Vinaccia

Giulio Vinaccia

Designer

vinaccia.it

È nato nel 1957 a Caracas da genitori italiani. Nel 1985 si è trasferito in Italia, e dal 1997 al 2012 ha lavorato con il fratello Valerio nell’ambito del Design industriale. Nel 1993 ha iniziato a occuparsi di design sociale in Colombia. Dal 1996 al 2002 ha lavorato presso SEBRAE Serviço Brasileiro de Apoio às Micro e Pequenas Empresas, portando avanti una decina di progetti di design per l’artigianato in diverse comunità del Brasile. Nel 2004 il governo della Spagna gli ha commissionato il progetto Iconografia del Cammino di Santiago. Successivamente, è intervenuto a fianco di comunità in crisi in Svezia, Canada, Afghanistan ed Egitto. Dal 2009 si è inserito nei programmi di sviluppo UNIDO Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale in Cina, Haiti e i cinque stati caraibici, Pakistan, Madagascar e sette Paesi del sud del Mediterraneo. Nel 2015 ha ricevuto il World Green Design Contribution Award, e nel 2016 ha ricevuto insieme a UNIDO il Compasso d’Oro ADI, il primo attribuito nella storia del Compasso alla categoria del design sociale.
Laura Morelli

Laura Morelli

Artista

associazionedipiu.org

Nata nel 1960, si è laureata al DAMS di Bologna. Negli anni ’90 ha lavorato come restauratrice di dipinti murali, e dal 2005 come formatrice per adolescenti e adulti. Nel 2000 ha realizzato il progetto Innermost machines, partendo da giocattoli elettronici per l’infanzia. Da allora, l’interesse per i meccanismi relazionali, il lavoro in team e l’arte contemporanea si sono strettamente intrecciati con il sociale e il confronto diretto con gruppi di persone. Alla base della sua ricerca si pongono la progettualità, la resilienza valorizzata in tutte le sue manifestazioni, il rispetto delle persone, l’empatia, la sostenibilità, il ruolo dell’artista come attivatore di processi condivisi. Ha collaborato con Università Cattolica di Milano, Università Roma 3, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica, Associazione Italiana di Psicogeriatria, Fondazione Humanitas, Centro Bioingegneria Fondazione Don Gnocchi, Xaverian Fathers Bangladesh, Università dell’Immagine/Superstudio, Connecting Cultures, International Campaign to Ban Landmines e Caritas. Nel 2006 ha fondato l’associazione Di +.
Camilla Fecchio

Camilla Fecchio

Graphic designer

camillafecchio.Linkedin

Si è laureata presso il Politecnico di Milano in Industrial design con specializzazione in Communication design, e nel 2007 ha conseguito il Diploma di Alta Scuola Politecnica. Si è occupata di ricerca e consulenza aziendale lavorando prima per due anni presso il Dipartimento di Ingegneria gestionale del Politecnico di Milano, occupandosi di innovazione guidata dal design, e poi nello studio Design Innovation, la struttura creata nel 1998 da Carmelo Di Bartolo e Maria del Pino Molina Betancor, con il ruolo di coordinatore di progetti strategici e di Advanced design. Ha svolto attività di docenza per 7 anni al Politecnico di Milano e nel 2010 è stato coordinatore didattico di DIBA Design Innovation Business Academy. Nello stesso anno è diventata docente e coordinatore del corso di Creatività e progettazione della Facoltà di Comunicazione, Relazioni pubbliche e pubblicità dell’università IULM. Dal 2012 si occupa anche di progetti di grafica e comunicazione per il web.
Luigi Ciuffreda

Luigi Ciuffreda

Architetto

luigiciuffreda.Linkedin

Nato nel 1981, ha studiato Architettura e design all’École Supérieure d’Art et de Design d’Orléans e al Politecnico di Milano, dove si è laureato nel 2006 specializzandosi in Museografia e allestimento per i Beni Culturali. Dal 2005 al 2007 è stato cultore della materia alla Facoltà del Design del Politecnico di Milano nei laboratori di Interior Design, e dal 2013 al 2017 è stato docente di Disegno e allestimento all’Accademia di Comunicazione di Milano. Si occupa di progettazione a diverse scale: design del prodotto, retail design, architettura d’interni e allestimento. Fra gli ultimi lavori, si segnalano il progetto museografico del Museo Lapidario di Monte Sant’Angelo e la segnaletica del nuovo stadio NAS Arena di Dubai. Dal 2006 è consulente dello studio Buratti Architetti, con il quale ha collaborato a progetti per B&B Italia, Fontana Arte, Living Divani, Poliform, Poltrona Frau, Porro, Tecno, Automobili Lamborghini, Ducati, Husqvarna, La Perla, Gebrüder Thonet Vienna. All’attività professionale affianca una personale ricerca sull’illustrazione e la grafica.
Roberto Montanari

Roberto Montanari

Designer

re-lab.it

È stato fra i fondatori di RE:Lab, una società che lavora dal 2005 sull’interfaccia uomo-macchina (HMI), e in particolare sul design e sull’ingegnerizzazione in campo industriale, dell’Information technology e dell’elettronica di consumo. È professore di Ergonomia cognitiva, Interaction design e ICT all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, e presso il medesimo ateneo è coordinatore del centro accademico di ricerca su humanities e tecnologie Centro Scienza Nuovo. Le sue ricerche investono i settori della sicurezza, del trasporto e della mobilità, e del ruolo svolto dai cosiddetti smart device, capaci di erogare informazioni prendendo in considerazione gli utilizzatori, le condizioni operative e il contesto. Ha una lunga esperienza in progetti di ricerca avanzati sull’interfaccia uomo-macchina sia a livello di prodotto che di processi, che integrano prospettiva umana e sviluppo tecnologico. Ha all’attivo oltre 15 articoli su riviste scientifiche, 80 articoli su pubblicazioni di convegni e 5 brevetti.
Stefano Giovannoni

Stefano Giovannoni

Designer

stefanogiovannoni.it

È nato a La Spezia nel 1954. Nel 1978 si è laureato alla Facoltà di Architettura di Firenze. Dal 1979 al 1991 ha svolto attività didattica e di ricerca in università. Negli anni 1984 e 1985 ha collaborato con Ettore Sottsass e Alchimia-Mendini. È stato professore di Master alla Domus Academy, all’Università del Progetto di Reggio Emilia e professore in Industrial design all’Università di Architettura a Genova. Lavora come industrial e interior designer ed architetto, ed è specializzato in prodotti in plastica. Ha disegnato prodotti di grande successo commerciale, fra i quali, per Alessi, le serie Girotondo e Mami, i prodotti in plastica, il Bagno Alessi e la serie Bombo per Magis (in tutto 300 prodotti). Nel 1991 ha progettato il padiglione italiano per la mostra Capitales européennes du noveau design al Centre Georges Pompidou. Nel 2015 ha vinto il prestigioso Red Dot Design Award, l’ultimo di una lunga serie, e insieme a un investitore di Hong Kong ha fondato Qeeboo, il suo marchio per produrre arredi in plastica a prezzi accessibili. I suoi oggetti di design hanno ricevuto il premio “Design Plus” alla Fiera di Francoforte, nelle edizioni Ambiente 1994, 1996, 2003, 2005 e 2009; il premio “100% design” a Londra nel 1997, il premio “Forum Design Hannover” nel 1999, il premio “ISH” nel 2003, il Chicago Athenaeum “Good Design Award” nel 2010 e il “New York Interior Design 2012 Award”.
Lia Luzzatto

Lia Luzzatto

Color consultant

color-and-colors.it

Dopo essersi laureata a pieni voti all’Accademia di Belle Arti di Brera, ha proseguito gli studi esplorando i territori della moda e specializzandosi in comunicazione cromatica su carta e digitale. Opera come Colour consultant in molti ambiti, scrive libri, partecipa a seminari e insegna. Per la sua complessità simbolica, comunicativa, psicologica e sensoriale, il colore è una risorsa fondamentale in qualunque contesto visivo. Insegna Teoria del colore presso l’Accademia di Comunicazione e il Luxury Lab Accademia del Lusso di Milano. A quattro mani con Renata Pompas, conosciuta alle lezioni di Cromatologia di Luigi Veronesi in Accademia, ha pubblicato numerosi libri sul colore che vengono continuamente ristampati per editori come Hoepli, Il Castello, Bompiani. È socia fondatrice del Gruppo del Colore Associazione italiana Colore, del cui Consiglio di Presidenza e Comitato Scientifico è membro. Già socia di CISST Centro Italiano per lo Studio della Storia del Tessuto e socia ADI, è membro di ECD Environmental Color Design di Buenos Aires e Color Study Group di Stoccolma.
Paolo Ranzani

Paolo Ranzani

Fotografo

paoloranzani.com

Nato a Torino nel 1966, ha frequentato il Dipartimento di Fotografia dell’Istituto Europeo di Design. Dopo gli studi, ha intrapreso la carriera di fotografo, spaziando dai ritratti e dagli scatti di celebrities ai settori beauty, fashion e advertising. Il suo portfolio comprende lavori per FIAT, Iveco, Lavazza, Chicco e Oréal. Ha curato l'immagine per vari personaggi dello spettacolo, fra i quali Arturo Brachetti, Luciana Littizzetto, Subsonica, Fernanda Lessa, Antonella Elia, Neja. Negli ultimi anni ha allargato la ricerca al linguaggio video, sia come regista che come direttore della fotografia (suo è il videoclip Alfonso di Levante). Ha pubblicato i libri Ecce Femina (2000), 99 per Amnesty (2003), La Soglia. Vita, carcere e teatro e Go 4 it/Universiadi 2007. È referente del collettivo artistico 4k per il progetto Torino Mosaico e del collettivo artistico Dead Photo Working per il progetto di apertura di Luci d'Artista a Torino. Ha ideato e organizzato il concorso fotografico internazionale OPEN PICS per il Salone del Libro di Torino. È Presidente di AFIP Torino.
Francesco Dondina

Francesco Dondina

Graphic designer

dondina.it

Nato a Milano nel 1961, all’età di venticinque anni ha fondato lo studio Dondina Associati, orientato alla brand identity e al design della comunicazione principalmente nei settori moda, design, arte e cultura. Fra i clienti principali dello studio figurano Giorgio Armani, Krizia, Valentino, Ferragamo, L’Oréal Paris, Cassina, Comune di Milano, MoMA, Feltrinelli e Muba. Ha progettato l’immagine delle mostre di Bramantino al Castello Sforzesco e Bernardino Luini a Palazzo Reale di Milano. Con Marco Zanuso jr e Giuseppe Raboni ha progettato le biglietterie di Expo Milano 2015. Dal 2010 al 2012 Dondina Associati ha avuto base anche a New York, periodo in cui ha collaborato con l’Asia Society Museum e l’American Ballet Theatre. Nel 2009 ha pubblicato il libro-intervista con Bob Noorda Una vita nel segno della grafica. Nel 2015 ha ideato il ciclo di conferenze Graphic Design Lectures al Castello Sforzesco, e nel 2016 ha curato SIGNS, una mostra sulla grafica italiana contemporanea negli spazi di Base a Milano. Insegna da molti anni al Cfp Bauer e al Politecnico di Milano.
Mindert De Koningh

Mindert De Koningh

Modellista


È nato a Haarlem, Paesi Bassi, nel 1958. Terminati gli studi, ha intrapreso la carriera di modellista. Il lavoro al fianco di giovani designer olandesi ha ampliato il suo interesse per il mondo dell’Industrial design, e lo ha spinto a trasferirsi a Milano nel 1990. Nel 1997 ha fonda Zooi e ha aperto il laboratorio di via Savona. Ha seguito sia l’attività didattic, sia la realizzazione dei prototipi degli studenti dei Master di Industrial design e Fashion design, incrociando i grandi nomi che hanno animato la scena milanese del design e dell’arte. Il suo lavoro si può suddividere in due grandi aree: prototipazione e costruzione di modelli e plastici per designer, aziende e agenzie in tantissimi ambiti industriali; consulenza e assistenza tecnica agli artisti nell’esecuzione delle loro opere.
Giuseppe Ardrizzo

Giuseppe Ardrizzo

Epistemologo


Dopo aver lavorato nel settore editoriale di varie case editrici, è passato all’insegnamento come docente di Teoria della conoscenza. Sino al 2009 è stato responsabile della ricerca scientifica della Scuola di studi superiori Majise CIES presso l’Università della Calabria. Ha tenuto lezioni e seminari nelle università di Bergamo, Forlì, Chieti, Palermo, Potenza, e Urbino. È membro dell’Accademia delle Scienze di New York e di diversi Comitati scientifici nazionali. Ha partecipato alla pubblicazione di Ragioni di confinePrecorsi dell’innovazione (Mulino, 2002), Governare l’innovazione (Rubbettino, 2003) e L’esilio del tempo (Meltemi, 2003). È autore di numerosi saggi, fra i quali Perspective and Metrics of Time, in Tempos in Science and Nature di Claudio Rossi, Annals of the N. Y. Academy of Science, 1999, New Epistemologies in a Changing Media Environment in Digital Literacya cura di Pier Cesare Rivoltella (New York, 2008, Innovare lo sguardo, in News IH (Siena, 2008) e Appunti per il Terzo millennio  (Retecamere, 2012).
Laura Lisi

Laura Lisi

Insegnante inglese


Traduttrice, interprete di conferenza e docente di lingua inglese, si è laureata in Lingua e Letteratura Inglese all’Università di Aarhus, in Danimarca, e ha conseguito il dottorato di ricerca in Teoria della Traduzione all’Università di Milano. Da 15 anni si occupa dell’insegnamento linguistico in università italiane e internazionali, e in ambito aziendale. Questa esperienza le ha permesso di costruirsi un bagaglio didattico specifico per condurre studenti di diverse culture e preparazione a raggiungere un livello linguistico adeguato, fornendo gli strumenti per operare nei contesti sociali e professionali di loro interesse. Al lavoro di traduttrice affianca quello di Project manager per lavori di traduzioni di grandi dimensioni e progetti di interpretariato. Ha pubblicato monografie sulla didattica linguistica e ha contribuito a numerose pubblicazioni accademiche del settore.
Roberta Maddaloni

Roberta Maddaloni

Executive coach

robertamaddaloni.Linkedin

Dal 2001 al 2014 è stata Project coordinator in Mida. Nel 2013 si è laureata in Psicologia all’Università di Parma, e l’anno successivo ha completato il percorso di formazione avanzata all’Accademia Europea di Firenze in Counseling. Ha lavorato come consulente di formazione per Doctors&doula, TrasformAzione, CFA e Execo – The Human Side. È Professional counselor accreditata presso il CNCP Coordinamento Nazionale Counselor Professionisti). Esperta di storytelling applicato a contesti professionali, utilizza l’analisi transazionale come strumento per la formazione e le attività di consulenza. Progetta e conduce piani di formazione per lo sviluppo del potenziale e la definizione di piani di azione. Fornisce strumenti per attivare cambiamenti significativi orientati al benessere dell’individuo e dell’azienda. I temi di cui si occupa sono prevalentemente il cambiamento come opportunità, l’attivazione della motivazione, l’efficacia relazionale, l’intelligenza emotiva, la comunicazione efficace, la negoziazione, i percorsi di orientamento e il bilancio delle competenze.
Emanuele Baj Rossi

Emanuele Baj Rossi

Executive coach

emanuelebajrossi.Linkedin

Nel 2007 è entrato come Expert consultant in Cegos, dove a tutt’oggi si occupa di gestione delle Risorse umane e management. Nel 2008 si è laureato in Scienze dell’Educazione e della Formazione all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milan e successivamente ha conseguito un Master in PNL Sistemica. Formatore ed Executive coach, ha approfondito i temi della formazione degli adulti e ha curato un programma di approfondimento sui modelli di leadership nelle organizzazioni multinazionali. È docente certificato FranklinCovey. I suoi settori di competenza sono la progettazione e l’erogazione di percorsi formativi su tematiche comportamentali (comunicazione, public speaking, problem solving, time management), manageriali (leadership e fondamenti di management), FranklinCovey (The 7 Habits of Highly Effective People). Nel 2014 ha rilasciato al Corriere della Sera un’intervista sull’importanza per le donne di dire no in azienda, e nel 2017 ha pubblicato il volume Obiettivi solidi in una società liquida.
Gianfranco Mele

Gianfranco Mele

Executive coach

gianfrancomele.Linkedin

Si è laureato all’Università degli studi di Torino in Economia e commercio, Accounting e finance. Ha lavorato in Costa Crociere, Baker Tilly Consulaudit e Nexto. È dottore commercialista iscritto all’Ordine dei Dottori commercialisti di Torino e Revisore legale con studio in Torino. È stato cultore della materia Programmazione e controllo presso il distaccamento universitario di Asti dell’Università degli Studi di Torino. Accanto all’attività di fiscalista tradizionale, attualmente svolge attività di consulenza direzionale su temi di organizzazione aziendale, controllo di gestione, reportistica e finanza aziendale, attività di revisione contabile. Fra i propri clienti, annovera primarie società italiane e multinazionali. Da dicembre 2011 è unico docente italiano in tema Finance certificato da BMW Group. È docente di Economics, Finanza & controllo, Fiscalità alla prestigiosa Fondazione ISTUD, una delle più prestigiose business school italiane. È apprezzato dai suoi studenti per la capacità di spiegare in modo chiaro ed efficace nozioni di bilancio e gestione aziendale.

Aziende

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O - Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L'Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.


Monday Talks

Monday talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.00 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.