Durata

10 mesi

Crediti

60

Partenza

Ottobre

Lingua

Italiano/Inglese

Corso Master Raffles Milano

Visual design

Una questione di scambi

Durata

10 mesi

Crediti

60

Partenza

Ottobre

Lingua

Italiano/Inglese

Course leader

Francesco Cavalli

Dieci mesi straordinari. Dieci grandi studi in aula, una al mese, con le loro figure chiave. Dieci occasioni uniche per imparare direttamente dai protagonisti. Master di Raffles Milano. Finalmente qualcuno ci ha pensato.


Perché?

Perché?

Se il mondo è una geografia di vasi comunicanti, di quali strumenti abbiamo bisogno per essere certi che i messaggi non si perdano per strada? Il Visual design è la disciplina di chi progetta grandi flussi di informazioni e contenuti. A ogni segno, segue una reazione. A ogni passaggio, segue uno scambio. L’importante è che siano costruttivi, corretti e interessanti.


Course leader

course leader

Course leader

Francesco Cavalli

Direttore creativo

Francesco Cavalli ha oltre vent’anni di esperienza nel campo della comunicazione visiva come direttore creativo e progettista strategico. Vive e lavora a Milano, dove durante gli studi di urbanistica al Politecnico di Milano, insieme a Bruno Genovese, David Pasquali e Andrea Braccaloni ha fondato Leftloft. Dal 1997, lo studio ha realizzato più di 900 progetti per clienti nazionali e internazionali. Dall’identità, all'editoria e alla curatela di eventi, ha lavorato fra gli altri per Moleskine, Documenta, FC Internazionale, Triennale di Milano, Cassina, Colmar, Subito. Nel 2009 ha lasciato temporaneamente Milano per aprire una nuova sede a New York. Alla sua attività professionale ha affiancato negli anni quella di promotore della cultura del design tramite l’associazione Ministero della Grafica e l'insegnamento alle facoltà di Design del Politecnico di Milano e in altre scuole. Nel 2015 crea Luft, il think tank di ricerca di Leftloft, un laboratorio di pensiero sul significato e la pratica della progettazione contemporanea, che organizza occasioni di confronto multidisciplinare.


Opportunità professionali

Opportunità professionali

I visual designer trovano impiego in quei settori in cui le aziende si relazionano con un pubblico, come redazioni, società di prodotto, startup. E naturalmente nell’industria della progettazione e della comunicazione, da freelance, o nella galassia di studi e agenzie locali e internazionali di grafica, branding, advertising, digital e service design. Dall’interfaccia di un bancomat alle sigle televisive, dalle confezioni dei biscotti alle multe per eccesso di velocità, dai giornali che leggiamo agli eventi cui partecipiamo, alle calze che indossiamo, il mondo è una grande miniera di opportunità di progetto.


A chi si rivolge

A chi si rivolge

Il corso è rivolto a progettisti che hanno un Diploma di laurea di primo livello e/o un’esperienza professionale nei temi attinenti alla grafica, all’immagine, alla comunicazione, al prodotto e all’editoria, e in generale a tutti coloro che pensano che la comunicazione sia una valida scelta professionale e un forte strumento di crescita individuale. Questo è un Master per chi pensa che i dettagli facciano la differenza, e siano convinti che la comunicazione e l’esperienza si definiscano a livello emotivo, creativo e artistico tanto quanto a livello strategico.


Programma

Programma

Fare e pensare insieme: gli studenti sviluppano – progettando – le capacità di composizione, di disegno e di uso della tipografia e della fotografia, e le basi della visualizzazione dei dati e della prototipazione come basi tecnico/artistiche per dare forma alle idee. Contemporaneamente, gli studenti sperimentano diversi approcci alla ricerca, alla comprensione del tema progettuale e dei suoi vincoli, alla generazione di idee efficaci. I progetti toccano diversi ambiti dell’immagine e della comunicazione culturale, commerciale ed editoriale con manufatti per il mondo fisico e digitale.


Argomenti

Argomenti

  • Ricerca
  • Art direction.
  • Branding.
  • Editoria.
  • Tipografia e icone.
  • Visualizzazione dati.
  • Wayfinding e segnaletica.
  • Digital e User interface design.
  • Concept generation.
  • Grafica/comunicazione integrata.

Endorsement

Endorsement

Per la qualità e l’efficacia del modello didattico, il Master ha ottenuto il patrocinio:

AIAP

AIAP

Associazione italiana design della comunicazione visiva

aiap.it

Docenti di progetto

Docenti di progetto

Imparare direttamente dai protagonisti vuol dire acquisire alla fonte le visioni e i metodi più avanzati. A differenza dei Master tradizionali, i Master Raffles Milano portano in aula saperi in azione grazie a 10 studi grafici ai vertici del mercato che si alternano in aula nell’arco dei dieci mesi.

G Design Studio
Progetto

G Design Studio

Studio di Visual design

gdesignstudio.gr

Lo studio è stato fondato ad Atene dai designer Michalis Georgiou e Dimitris Stefanidis. Opera su un terreno che abbraccia molte discipline, dalla Brand identity al packaging, dallo Strategic design alla Digital experience. Ogni progetto è visto come un’opportunità di arricchimento per tutte le figure coinvolte nel processo creativo. L’impronta progettuale si può condensare nei concetti di chiarezza, autenticità e risonanza emotiva. Nella visione di G Design Studio, le nuove tecnologie e le abilità del fare hanno la stessa importanza. L’obiettivo è produrre un design ricco di senso, capace di accendere l’immaginazione e di produrre effetti duraturi. Michalis Georgiou, diplomatosi al London College of Printing, è Graphic Design Pathway Leader al Vakalo College of Art e Design, dove ha insegnato per oltre vent’anni. Dimitris Stefanidis si è formato a Londra, Atene a al Pratt Institute di New York. Ha lavorato in Pentagram New York e FutureBrand di Londra e attualmente è docente di Branding al Vakalo College.
Studio FM Milano
Progetto

Studio FM Milano

Studio di Visual design

studiofmmilano.com

È stato fondato nel 1996 da Barbara Forni e Sergio Menichelli, ai quali si è unito Cristiano Bottino nel 2000. È specializzato in Graphic design e si occupa in particolar modo di art direction, immagine coordinata, grafica editoriale, allestimenti, segnaletica e web design. Opera sia in ambito commerciale – moda, design, architettura, industria, terziario e cultura – che al fianco di istituzioni. Il lavoro dello studio ha ottenuto importanti riconoscimenti, fra i quali la Menzione d’Onore al Compasso d’Oro ADI del 2001 e gli European Design Awards, vinti annualmente dal 2008 al 2015. Fra i clienti figurano nomi come Brioni, Bticino, Cassina, Coop Italia, Comune di Milano, Comune di Roma, Electrolux, Ermenegildo Zegna, Expo Milano 2015, Expo Zaragoza, Fantini Rubinetterie, Galleria Massimo De Carlo, Gianfranco Ferré, Hachette Rusconi Editori, MIT Massachusetts Institute of Technology, Mudec Museo delle Culture Milano, Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, NDIA Doha New International Airport, Poltrona Frau, Saipem e Tecno.
Landor
Progetto

Landor

Studio di Visual design

landor.com

È stata fondata da Walter Landor nel 1941. Nel 1964, lo stesso fondatore ha spostato la sede principale a bordo del ferryboat Klamath nella Baia di San Francisco, luogo che ben presto divenne un polo di attrazione della creatività e fu visitato da personaggi come Andy Warhol, Tom Wolfe, Issey Miyake e Marshall McLuhan. Allora l’agenzia applicava in modo pionieristico molte delle ricerche, delle soluzioni e dei metodi che oggi sono diventati standard del branding. Landor è una realtà con 29 sedi in 21 Paesi che lavora al fianco di top brand globali, fra i quali Aeroflot, Bayer, BBC, BMP, BP, Citroën, Danone, Etihad Airways, International Hotels Group, Procter & Gamble, Russian Copper Company e Tata Group. Offre un ampio spettro di servizi, dalla strategia al posizionamento, dall’identità alla brand architecture, dalla prototipia al naming e identità verbale, dagli ambienti e dalle esperienze all’engagement, all’interactive e media design. Landor è parte del Gruppo Young & Rubicam della holding WPP, l’impresa di marketing e comunicazione più grande al mondo.
Leftloft
Progetto

Leftloft

Studio di Visual design

leftloft.com

Fondato a Milano nel 1997 da Andrea Bacaloni, Francesco Cavalli, Bruno Genovese e David Pasquali, è uno studio di progettazione indipendente in cui vengono fatte convergere idee, persone e abilità per sviluppare una visione più ampia del design, della cultura e della comunicazione. Nel 2009 ha aperto un ufficio a New York. Opera con un team di design, ciascuno specializzato in vari campi, dal branding al web design. Ha firmato progetti internazionali e nazionali, collaborando con alcune delle imprese e istituzioni più importanti in Italia, fra le quali FC Internazionale, Mondadori, Triennale di Milano, dOCUMENTA (3), Cassina, Colmar, Pirelli HangarBicocca, subito.it, Istanbul Biennali, RCS Corriere della Sera, Fondazione Feltrinelli, Sinistra Italiana, Castello di Rivoli, Expo 2015, Biennale di Venezia, Unione Europea, GS1 Italy, Loescher, Slowear. Alla studio fa capo anche Luft, un think tank per sviluppare il pensiero creativo e la produzione collaborativa, che opera principalmente nei territori di identità, ricerca, concept, strategia, art direction e narrazione.
Daylight Design
Progetto

Daylight Design

Studio di Visual design

daylightdesign.com

L’azienda, che oggi ha sedi a San Francisco, Monaco e Seoul, è stata fondata nel 2007 dai fratelli Brett e Sven Newman, due studenti della Stanford Design School. Peculiarità di Daylight Design è quella di muoversi a cavallo fra esperienze digitali, prodotti fisici e impatto sociale, integrando Design thinking con il design vero e proprio e ponendo l’essere umano sempre al centro del progetto. In particolare, si è occupata di ricerche e strategie sull’utente, innovazione di prodotto, piattaforme digitali, brand experience e progettazione sociale. Cinque le aree operative dello studio: User experience, Physical product, Social Impact, Service design e Brand. Fra i progetti di successo più recenti, il rebranding di Wickr, l’app di messaggistica, e il supporto alla start-up coreana Mango Plate. Nella lista dei clienti dello studio figurano Hyundai, Bosch, Audi, Instagram, Logitech, Belkin, Unicef, Pearson. Secondo i partner, Daylight Design è un gruppo di ottimisti che credono nel loro lavoro, con un know-how da grande azienda e un servizio da piccola azienda.
Area17
Progetto

Area17

Studio di Visual design

area17.com

È un’agenzia che sviluppa prodotti digitali con uffici a Parigi e New York. È una struttura indipendente, con una forte motivazione creativa, che progetta, crea e fa crescere prodotti digitali per clienti di ogni dimensione, ponendo un forte accento sulla cura di ogni dettaglio, dal design al codice, e trovando soluzioni semplici a sfide complesse. George Eis è uno dei partner di AREA 17. Nel 2003 ha fondato l’agenzia a New York, e tre anni dopo ha aperto la sede di Parigi. Ha iniziato disegnando e progettando siti web nel 1994 e per buona parte della sua carriera, ha lavovrato come direttore creativo di agenzie digitali. Ha alle spalle studi in arte e teatro, ed è uno strenuo sostenitore del potere dell’ensemble. David Lamothe, Global director of design, guida i principi, le metodologie e e i processi di design adottati dall’agenzia. Influenzato dalla scuola svizzera del design e appassionato di caratteri tipografici, i suoi progetti si connotano per la precisione, il senso pratico e il minimalismo.
Atelier Müesli
Progetto

Atelier Müesli

Studio di Visual design

ateliermuesli.com

È uno studio grafico fondato a Parigi nel 2008 da Lea Chapon e Mytill Ducomet. Si occupa principalmente di progetti editoriali, manifesti e corporate design. Lo strumento principe di Müesli è il carattere e di base, tutto ciò che può essere stampato interessa allo studio: segnaletica delle mostre, Game design, mappe, siti web... Lo studio considera importanti i materiali e le texture, e presta molta attenzione ai dettagli e ai processi di fabbricazione (come amava dire Charles Eames, “I dettagli non sono dettagli. Sono loro a fare il design.”). Müesli ama pensare che ogni soluzione grafica può essere vista come cassetta degli attrezzi o come gioco, e sviluppa il proprio lavoro principalmente nel settore culturale, con clienti come reti di arte contemporanea, musei nazionali, istituzioni culturali, fiere d’arte internazionali, teatri, scuole di design, studi di architettura, festival di arte digitale, organizzazioni che si occupano di design, ma anche per clienti privati, dai brand del lusso a piccole imprese di prodotti cosmetici e piccole enoteche.
Pentagram
Progetto

Pentagram

Studio di Visual design

pentagram.com

È stato fondato nel 1972 in Needham Road, a Londra, da un gruppo di amici: Alan Fletcher, Theo Crosby, Colin Forbes, Kenneth Grange e Mervyn Kurlansky. Oggi è il più grande studio indipendente di progettazione grafica al mondo. L’azienda è guidata dai 21 partner ciascuno dei quali è leader nel rispettivo campo d’azione. Pentagram è presente con uffici a Londra, New York, San Francisco, Berlino e Austin. Può progettare qualsiasi cosa: architettura, interni, prodotti, identità, advertising, pubblicazioni, manifesti, libri, mostre, infografica, siti web e installazioni digitali. Ogni cliente lavora direttamente a contatto con uno o più dei partner dello studio. Questa organizzazione rispecchia la convinzione che non ci possa essere grande design senza passione, intelligenza e impegno individuale. La miglior dimostrazione ne è il portfolio dei lavori realizzati in quasi cinquant’anni di lavoro. Nel 1999 sono stati inclusi nel Dizionario Thames and Hudson del Design e dei designer del XX secolo.
Lava
Progetto

Lava

Studio di Visual design

lava.nl

Per oltre 25 anni Lava ha esplorato i confini dei campi della creatività, utilizzando un metodo unico di sviluppo dei concept di comunicazione. Grazie ai Lava lab, ha sfidato clienti e risorse interne, spingendo entrambi a spingersi più lontano e a sperimentare nuovi insights e nuove opportunità nel design, nello storytelling e nella tecnologia. Lava ha uffici ad Amsterdam e Pechino.
Raffinerie
Progetto

Raffinerie

Studio di Visual design

raffinerie.com

Il motto di Raffinerie è “Design che conta”. Lo studio è stato fondato a Zurigo nel 2000 ed è guidata dai tre direttori creativi Reto Ehrbar, Christian Hass e Nenad Kovačić. Il compito che si è dato è “creare soluzioni intelligenti per organizzazioni, imprese, start-up e chiunque altro” fornendo un ampio spettro di servizi e consulenze legati al Graphic design, che vanno dall’Art direction al Corporate design, dal design editoriale all’illustrazione, e in una logica “dal print al web, o qualsiasi altra idea venga in mente”. Oggi in Raffinerie lavora un team di 15 designer interni. Ogni progetto è seguito con curiosità e coinvolgimento, dall’idea generale al dettaglio più piccolo. Nel 2016 lo studio ha ricevuto un doppio premio alla decima edizione degli European Design Awards tenutasi a Vienna: Agency of the Year e Best of show. È stata la prima volta nella storia del premio EDA che una sola agenzia si aggiudicasse due dei premi principali, e che vincesse il Best of show per la seconda volta.

Docenti di metodo

Docenti di metodo

Ci sono conoscenze e abilità anche teoriche che non si imparano in corsa e richiedono un approfondimento ad hoc. Non si sa quando potranno servire, ma una cosa è certa: serviranno.

Giovanni Pelloso
Metodo

Giovanni Pelloso

Storico e critico fotografico

giovannipelloso.Linkedin

Giornalista e critico di fotografia del Corriere della Sera per le pagine di ViviMilano, ha partecipato a progetti editoriali per Mondadori Portfolio – suo è lo scritto dedicato a Mario De Biasi, Giorgio Lotti e Angelo Cozzi –, Hachette e Canon Italia. Co-autore del Dizionario mondiale della fotografia(Rizzoli/Contrasto, 2002), collabora con i mensili NPhotography e Photo Professional ed è caporedattore della storica rivista Il Fotografo. Ha condotto workshop e seminari dedicati alla fotografia all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, all’Istituto Italiano di Fotografia e all’agenzia Contrasto. I suoi interessi di ricerca si concentrano sulla prassi e sulla teoria della sociologia dei consumi e della pubblicità. Docente a contratto, dal 2005 svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dell’Università IULM di Milano. Insegna fotografia al LAO dal 2013. È ricercatore associato dell’Acquario Civico di Milano.
Corrado Musmeci
Metodo

Corrado Musmeci

Esperto di stampa

fontegrafica.it

Nato nel 1982, si è laureato in Economia e commercio con specializzazione in Organizzazione di impresa. Dopo gli studi, si è occupato della gestione commerciale e della comunicazione di Fontegrafica, l’azienda di famiglia fondata dal padre, di cui oggi è Amministratore unico. Fontegrafica si è ritagliata una posizione distintiva nel panorama della stampa ed è oggi considerata un punto di riferimento internazionale per la ricerca e la produzione tipografica di alta qualità. Per queste ragioni, ha maturato un’esperienza specifica nella realizzazione di progetti per il mondo del lusso, del fashion e del design. È molto attivo negli ambiti professionali della stampa, è membro del consiglio direttivo dell’Istituto ITS Rizzoli e Vicepresidente dell’Unione Industriali Grafici di Milano. È stato docente a Master universitari a Milano. In ogni occasione, sostiene e promuove la cultura della comunicazione a mezzo stampa, cooperando con istituzioni, scuole, influencer e brand.
Roberta Maddaloni
Metodo

Roberta Maddaloni

Executive coach

robertamaddaloni.Linkedin

Dal 2001 al 2014 è stata Project coordinator in Mida. Nel 2013 si è laureata in Psicologia all’Università di Parma, e l’anno successivo ha completato il percorso di formazione avanzata all’Accademia Europea di Firenze in Counseling. Ha lavorato come consulente di formazione per Doctors&doula, TrasformAzione, CFA e Execo - The Human Side. È Professional counselor accreditata presso il CNCP Coordinamento Nazionale Counselor Professionisti). Esperta di storytelling applicato a contesti professionali, utilizza l’analisi transazionale come strumento per la formazione e le attività di consulenza. Progetta e conduce piani di formazione per lo sviluppo del potenziale e la definizione di piani di azione. Fornisce strumenti per attivare cambiamenti significativi orientati al benessere dell’individuo e dell’azienda. I temi di cui si occupa sono prevalentemente il cambiamento come opportunità, l’attivazione della motivazione, l’efficacia relazionale, l’intelligenza emotiva, la comunicazione efficace, la negoziazione, i percorsi di orientamento e il bilancio delle competenze.
Massimiliano Pappalardo
Metodo

Massimiliano Pappalardo

Executive coach

massimilianopappalardo.Linkedin

Dopo la laurea in Filosofia, ha conseguito un Master in Controllo di gestione. Ha iniziato l’attività lavorativa presso Auchan, diventando direttore di una filiale. In seguito ha diretto il Campus universitario Città Studi del Politecnico di Milano, e poi il Campus dell’Università Vita-Salute San Raffaele, lavorando a stretto contatto con Don Luigi Verzé. Ha collaborato con Carmen Consoli ai testi di alcune canzoni, in modo particolare per l’album L’eccezione (2002). Filosofo, formatore, counselor e life coach, è autore di molti articoli su blog, siti di filosofia, attualità e letteratura. Ha collaborato a lungo con Fondazione Giorgio Gaber, promuovendone il pensiero sia nelle università che nelle scuole. Ha fondato diverse riviste, tra le quali Un sorso in più insieme con Carmen Consoli. Studioso e promotore della cultura del cambiamento in azienda e della centralità della persona nelle organizzazioni aziendali, si occupa da tempo di Mindfulness, Leadership risonante, Abitudini e Responsabilità.
Emanuele Baj Rossi
Metodo

Emanuele Baj Rossi

Executive coach

emanuelebajrossi.Linkedin

Nel 2007 è entrato come Expert consultant in Cegos, dove a tutt’oggi si occupa di gestione delle Risorse umane e management. Nel 2008 si è laureato in Scienze dell’Educazione e della Formazione all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milan e successivamente ha conseguito un Master in PNL Sistemica. Formatore ed Executive coach, ha approfondito i temi della formazione degli adulti e ha curato un programma di approfondimento sui modelli di leadership nelle organizzazioni multinazionali. È docente certificato FranklinCovey. I suoi settori di competenza sono la progettazione e l’erogazione di percorsi formativi su tematiche comportamentali (comunicazione, public speaking, problem solving, time management), manageriali (leadership e fondamenti di management), FranklinCovey (The 7 Habits of Highly Effective People). Nel 2014 ha rilasciato al Corriere della Sera un’intervista sull’importanza per le donne di dire no in azienda, e nel 2017 ha pubblicato il volume Obiettivi solidi in una società liquida.
Gianfranco Mele
Metodo

Gianfranco Mele

Executive coach

gianfrancomele.Linkedin

Si è laureato all’Università degli studi di Torino in Economia e commercio, Accounting e finance. Ha lavorato in Costa Crociere, Baker Tilly Consulaudit e Nexto. È dottore commercialista iscritto all’Ordine dei Dottori commercialisti di Torino e Revisore legale con studio in Torino. È stato cultore della materia Programmazione e controllo presso il distaccamento universitario di Asti dell’Università degli Studi di Torino. Accanto all’attività di fiscalista tradizionale, attualmente svolge attività di consulenza direzionale su temi di organizzazione aziendale, controllo di gestione, reportistica e finanza aziendale, attività di revisione contabile. Fra i propri clienti, annovera primarie società italiane e multinazionali. Da dicembre 2011 è unico docente italiano in tema Finance certificato da BMW Group. È docente di Economics, Finanza & controllo, Fiscalità alla prestigiosa Fondazione ISTUD, una delle più prestigiose business school italiane. È apprezzato dai suoi studenti per la capacità di spiegare in modo chiaro ed efficace nozioni di bilancio e gestione aziendale.
Francesco Dondina
Metodo

Francesco Dondina

Graphic designer

dondina.it

Nato a Milano nel 1961, all’età di venticinque anni ha fondato lo studio Dondina Associati, orientato alla brand identity e al design della comunicazione principalmente nei settori moda, design, arte e cultura. Fra i clienti principali dello studio figurano Giorgio Armani, Krizia, Valentino, Ferragamo, L’Oréal Paris, Cassina, Comune di Milano, MoMA, Feltrinelli e Muba. Ha progettato l’immagine delle mostre di Bramantino al Castello Sforzesco e Bernardino Luini a Palazzo Reale di Milano. Con Marco Zanuso jr e Giuseppe Raboni ha progettato le biglietterie di Expo Milano 2015. Dal 2010 al 2012 Dondina Associati ha avuto base anche a New York, periodo in cui ha collaborato con l’Asia Society Museum e l’American Ballet Theatre. Nel 2009 ha pubblicato il libro-intervista con Bob Noorda Una vita nel segno della grafica. Nel 2015 ha ideato il ciclo di conferenze Graphic Design Lectures al Castello Sforzesco, e nel 2016 ha curato SIGNS, una mostra sulla grafica italiana contemporanea negli spazi di Base a Milano. Insegna da molti anni al Cfp Bauer e al Politecnico di Milano.
Andrea Braccaloni
Metodo

Andrea Braccaloni

Graphic designer

leftloft.com

Si è formato alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, dove ha conosciuto i suoi futuri soci. Nel 1997 ha fondato con Francesco Cavalli, Bruno Genovese e David Pasquali lo studio di design e comunicazione Leftloft, all’interno del quale svolge l’attività di Design director, Type designer ed esperto in analisi e strategia di comunicazione. Fra i progetti più rielvanti che ha seguito da vicino ci sono la progettazione di caratteri tipografici proprietari per Corriere della Sera, la segnaletica e la tipografia per lo Stadio San Siro di Milano, il rebranding di Moleskine, il rebranding di Oscar Mondadori e di subito.it, l’art direction e la comunicazione di Inter FC, nonché svariati prodotti editoriali, fra i quali il quotidiano sportivo Dieci, il Manifesto e il magazine Panorama First, ICON, Focus e Sette del Corriere della Sera. È socio professionista di Aiap, Beda, Atypl e TDC. Dal 2001, all’attività professionale ha affiancato quella dell’insegnamento al Politecnico di Milano, al CFP Bauer e allo IED di Milano.

Aziende

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O - Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L'Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.


Monday Talks

Monday talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.00 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.